Enel Cuore sostiene il comune di Milano nell’emergenza COVID-19

Pubblicato il 7 aprile 2020

Enel Cuore è al fianco del Comune di Milano attraverso una donazione al Fondo Mutuo Soccorso, istituito dal Sindaco, Giuseppe Sala, con l’obiettivo di aiutare, nell’immediato, coloro che più di altri sono messi in difficoltà dalla diffusione del Corona Virus e, successivamente, a sostenere la ripresa socio-economica delle attività cittadine.

“In questo momento di grave criticità per l’Italia, in cui la Lombardia e Milano sono particolarmente esposte, Enel attraverso la sua Onlus Enel Cuore vuole dare un aiuto concreto per sostenere gli ospedali, le associazioni e la rete di solidarietà che si adopera per contenere questa emergenza – ha affermato Patrizia Grieco, Presidente di Enel e di Enel Cuore - Siamo una multinazionale italiana con forti radici nel territorio che fa della sostenibilità l’architrave della sua strategia. È’ quindi del tutto naturale, ma al contempo doveroso per la nostra società, aiutare i territori dove operiamo e le comunità con cui lavoriamo ogni giorno”.

"Grazie a Enel e alla Onlus Enel Cuore per il contributo al Fondo di Mutuo Soccorso che abbiamo istituito - ha dichiarato Giuseppe Sala, Sindaco di Milano. “Non sappiamo quanto durerà l'emergenza che stiamo vivendo. Di certo, questa situazione ha cambiato la vita di tutti noi, non solo le abitudini. Molti milanesi già oggi, a causa del Coronavirus, si trovano in serie difficoltà economiche. Attraverso il Fondo vogliamo aiutarli a rialzarsi e a superare questo brutto periodo. Per farlo, occorre il sostegno dei loro concittadini così come quello del settore privato e delle associazioni. Insieme dobbiamo far vincere la solidarietà su paure e timori, senza smettere di avere fiducia nel futuro".

La donazione al Comune di Milano rientra tra le misure messe a punto da Enel Cuore per affrontare l’emergenza epidemiologica a sostegno delle principali realtà impegnate nell’assistenza sanitaria e sociale nel nostro Paese. La Onlus del Gruppo Enel ha stanziato 23 milioni di euro sia per progetti individuati, sia per altri in fase di individuazione che verranno definiti in tempi brevi grazie al dialogo e il continuo coordinamento con Protezione Civile e Autorità nazionali e regionali in prima linea contro la diffusione del virus. Gli interventi andranno a sostenere nell’immediato le attività volte a contrastare l’emergenza sanitaria e a supportare le strutture ospedaliere e sanitarie che combattono l’epidemia sul territorio. Non solo, i contributi verranno destinati alle organizzazioni del terzo settore e alle amministrazioni locali per garantire le attività in atto e sostenere la prossima fase di ripresa.