• {{searchSuggestions.title}}

Sport Power: sportivi di oggi, leader di domani

{{item.title}}

Sport Power è un progetto di empowerment giovanile incentrato sui concetti di leadership positiva e di protagonismo giovanile attraverso la pratica sportiva rivolto a giovani dai 6 ai 17 anni. E’ stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e cofinanziato da Enel Cuore, la onlus del Gruppo Enel.

Ai blocchi di partenza Sport Power, l’innovativo progetto di empowerment giovanile che punta a includere i giovani tagliati fuori dai circuiti sportivi e a creare modelli positivi tra adolescenti attraverso la leadership nella pratica sportiva. Il progetto, della durata di 36 mesi, ispirato al modello di intervento di Sport Senza Frontiere (SSF), amplia strategicamente l’offerta educativa della Onlus e valorizza attitudini e capacità delle ragazze e dei ragazzi coinvolti, partendo dal concetto di peer education attiva. Un progetto selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e cofinanziato da Enel Cuore, la onlus del Gruppo Enel. 

L’intervento, che si svolgerà in quattro città - Roma, Napoli, Bari e Domusnovas (Cagliari) ha obiettivi ben precisi che partono dal contrasto alle diseguaglianze e alla povertà educativa minorile e puntano a offrire occasioni di apprendimento a bambini e adolescenti, con particolare attenzione a coloro i quali si trovano in condizione di svantaggio e vulnerabilità socio-economica. Nella certezza che in ogni minore risiedano talenti e potenzialità, il progetto mira a favorire acquisizione di competenze di leadership positiva e rafforzamento delle competenze di base, sviluppo di interessi, consapevolezza delle proprie attitudini, oltre, ovviamente, a garantire l’accesso allo sport come diritto fondamentale. Attraverso una rete di solidarietà territoriale costituita da tutti coloro che partecipano con responsabilità alla crescita delle persone di minore età, Sport Power mira a favorire un miglioramento della salute, del benessere fisico e psicologico dei minori presi in carico e coinvolti nelle attività sportivo-educative. 

Dopo un primo periodo di formazione e di individuazione di possibili beneficiari, si procederà all’attivazione della rete sportiva solidale locale e alla costituzione di team locali. A quel punto avverrà l’inserimento di 125 minori in condizioni di svantaggio socio-economico in programmi socio-educativi a vocazione sportiva (50 a Roma, 50 a Napoli e 25 tra Bari e Domusnovas). Infine – e questa è la vera innovazione progettuale - si formeranno gruppi di adolescenti Under 18, veri e propri Sport Agents, giovani portatori di valori legati a modelli positivi di crescita individuale e di gruppo, appresi attraverso lo sport. Saranno reclutati nelle 4 città target (40 tra Roma e Napoli, 5 a Bari e 5 a Domusnovas). Diventeranno attori del cambiamento e saranno accuratamente formati, per essere coinvolti in attività di sensibilizzazione, animazione territoriale e cura dei più piccoli. 

“Negli anni – spiega Alessandro Tappa, presidente di Sport Senza Frontiere – ci siamo accorti di quanto sia importante che i nostri ragazzi, una volta sviluppata una propria attitudine sportiva e sociale e sperimentato la grande capacità propulsiva dello sport nella vita, diventino a loro volta educatori, veri e propri Sport agent. Per la loro giovane età, la capacità di comprendere le esigenze di coetanei o di bambini più piccoli, e grazie alla loro empatia, possono esercitare un’influenza positiva nei ragazzi attorno a loro ed essere motore di cambiamento nella società. Con questo progetto possiamo sperimentare un approccio nuovo e renderlo sistematico, dando forma a una vera e propria identità professionale: non più il classico ex beneficiario che assiste i nuovi arrivati, ma una figura di giovane attivista che viene formata e assume una leadership definita”. 

Parte importante del progetto sarà la Creazione di percorsi di empowerment per 4 associazioni sportive (SSF Hub), localizzate in aree urbane marginali. Saranno gli SSF Hub a ospitare le attività formative e i momenti di aggregazione degli Sport Agents e saranno responsabili dei percorsi sportivi dei minori. Nei periodi compresi tra marzo e giugno 2023 e marzo e giugno 2024, inoltre, partirà il tour dell’SSF Van, un pulmino che si sposterà lungo un percorso che attraverserà Roma, Napoli, Domusnovas e Bari per facilitare l’attività sportiva in spazi pubblici non attrezzati e per effettuare mini screening pediatrici grazie alla presenza di personale sanitario qualificato. 

“Lo sport è benessere, sia fisico che psicologico, ma anche aggregazione, integrazione sociale e diffusione di valori positivi di cittadinanza attiva. Lo sport consente a tutti i ragazzi che lo praticano di esprimere al massimo le proprie potenzialità vivendo un’esperienza sana ed educativa. La particolarità del progetto Sport Power è fare dell’esperienza personale un valore condiviso: i ragazzi più grandi diventano Sport agent, cioè educatori dei più piccoli che quindi possono vivere un percorso di crescita insieme a chi lo ha già fatto - dichiara Filippo Rodriguez, Consigliere delegato di Enel Cuore - Enel Cuore crede fortemente in questi principi ed è per questo che ha deciso di sostenere un’iniziativa che non solo valorizza il ruolo dello sport e del benessere all’interno della nostra società, ma rafforza i valori di empowerment, leadership positiva ed educazione civica e sociale” 

“Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD". 

L’iniziativa è sostenuta da Enel Cuore, la onlus del Gruppo Enel, che in collaborazione con l’Impresa sociale Con i Bambini, eroga il contributo economico nella misura del 50% dell’ammontare di budget complessivo. Enel Cuore opera da anni al fianco delle organizzazioni del Terzo Settore radicate sul territorio, capaci di creare valore condiviso e garantire la coesione sociale e la sostenibilità delle iniziative nel tempo. 

Sport Senza Frontiere ha costruito una rete di collaborazioni sportive e socio-sanitarie in ogni città di progetto, seguendo il modello d’intervento che le è proprio: 

  • ASD SANSA FC (Roma) 
  • Rugby Nuovo Salario A.s.d. (Roma) 
  • Defrag associazione culturale e di promozione sociale (Roma) 
  • Associazione Sportiva Dilettantistica Big Air (Bari) 
  • Associazione sportiva dilettantistica Franco Ballerini (Bari) 
  • Occupazione e Solidarietà s.c.s cooperativa sociale (Bari) 
  • Associazione sportiva dilettantistica Nippon club (Napoli) 
  • L'Albero della Vita cooperativa sociale (Napoli) 
  • Associazione Elda Mazzocchi Scarzella (Domusnovas, Cagliari) 

Enti segnalatori per la selezione dei beneficiari: 

  • Fondazione "Emanuela Zancan" onlus Centro Studi e Ricerca Sociale (Ente responsabile per la valutazione d'impatto) 
  • IC 49° Toti - Borsi - Giurleo (Scuola Napoli) 
  • IIS D. Bramante ex Sarandì (Scuola Roma) 
  • Comune di Bari 
  • Istituto Comprensivo Statale "F.Meloni" (Scuola Domusnovas) 

Sport Senza Frontiere (SSF) nasce nel 2011 a Roma con l’obiettivo di contrastare la povertà e la diseguaglianza sociale attraverso progetti che utilizzano lo sport come strumento di inclusione, crescita armonica ed emancipazione di minori a rischio e/o in situazione di povertà ed emarginazione sociale. L’associazione ha vissuto una significativa espansione che l’ha portata velocemente a diventare un soggetto agente di cambiamento sociale attivo a livello nazionale, passando da 15 minori presi in carico nel 2011 a più di 600 beneficiari nel 2022. A partire dal 2015 SSF ha cominciato ad operare stabilmente in tutti i Municipi di Roma, nelle città di Napoli, Milano, Torino, Bergamo, Trento, Spoleto, e ora anche Novara. In undici anni di attività Sport Senza Frontiere ha accompagnato, assistito e aiutato centinaia di bambini in situazioni di disagio socio economico e le loro famiglie. L’associazione si avvale di partnership e collaborazioni importanti tra cui: UNHCR, la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento Sport, la Comunità di Sant’Egidio, la Facoltà di Scienze della Formazione ed Educazione dell’Università Roma Tre, Sport e Salute, il CONI, L’Università di Tor Vergata di Roma, Università Cattolica di Milano – Dipartimento di Alta Psicologia, la Fondazione Vodafone, Enel Cuore, la Fondazione con il Sud, la Fondazione Cariplo, la Fondazione Charlemagne, la Fondazione Haiku, la UISP e il CSI, oltre a diverse Istituzioni locali (Regione, Comuni, Municipi). Nel 2014, il programma di inclusione sociale attraverso la pratica sportiva è stato individuato come Best Practice dal CONI.