Emergenza COVID-19, Enel Cuore in campo a sostegno di chi è in prima linea

Pubblicato il 23 marzo 2020

Per affrontare l’emergenza sanitaria in corso, abbiamo stanziato 23 milioni di euro a favore delle principali realtà che in Italia sono impegnate in prima linea nel fronteggiare l’emergenza legata alla pandemia COVID-19.

“In questo momento così complesso per l’Italia, Enel, attraverso la sua onlus Enel Cuore, vuole dare un aiuto concreto per contribuire a sostenere le strutture ospedaliere, le associazioni sul territorio e potenziare la risposta del sistema Paese all’emergenza in corso", sottolinea Patrizia Grieco, Presidente di Enel e di Enel Cuore.

Con queste misure di sostegno ci proponiamo di intervenire per:

  • sostenere nell’immediato l’attività della Protezione Civile;
  • supportare ospedali, strutture sanitarie ed enti nella creazione di nuovi posti letto e l’acquisto di apparecchiature necessarie, sia nelle aree maggiormente colpite del Nord Italia che nel resto del Paese;
  • garantire la sicurezza e la continuità dell’operato delle organizzazioni del terzo settore italiano;
  • contribuire alle azioni delle amministrazioni locali a favore di coloro che più di altri sono in difficoltà a causa dell’emergenza e, successivamente, sostenere la ripresa delle attività del territorio.

Lo stanziamento messo in campo servirà alla realizzazione sia di progetti già identificati, sia di altri in fase di individuazione, che definiremo in tempi brevi grazie al dialogo e al continuo coordinamento con la Protezione Civile e le Autorità nazionali e regionali impegnate nell’emergenza COVID-19.

“Siamo una multinazionale italiana con forti radici nel territorio che fa della sostenibilità l’architrave della sua strategia”, ricorda la Presidente Grieco, concludendo: “È quindi del tutto naturale, ma al contempo doveroso per la nostra società, aiutare i territori dove operiamo e le comunità con cui lavoriamo ogni giorno”.