• {{searchSuggestions.title}}

A spasso con le dita

A spasso con le dita

Un progetto insieme alla Federazione Nazionale delle Istituzioni pro Ciechi Onlus per l’inclusione di bambine e bambini non vedenti o ipovedenti: libri tattili, una mostra itinerante e laboratori didattici.

{{item.title}}

Realizzare e distribuire libri tattili per promuovere l’integrazione di bambine e bambini ciechi, ipovedenti e vedenti è l’obiettivo del progetto avviato nel novembre 2010 dalla Federazione Nazionale delle Istituzioni pro Ciechi Onlus con il nostro sostegno. Finora sono sei i titoli offerti gratuitamente a biblioteche pubbliche, reparti pediatrici e istituzioni che, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia, operano per l’inclusione scolastica e sociale dei più piccoli privati della vista. Ogni libro del progetto A spasso con le dita è stato realizzato in 1.000 copie: una grande sfida editoriale, se si considera che le illustrazioni tattili sono a rilievo, interamente realizzate a mano, con l’utilizzo di elementi materici concreti che, al tatto, possano richiamare gli oggetti cui si riferiscono. Artigianale è anche la rilegatura, che deve permettere l’apertura totale del libro sul piano d’appoggio, in modo che le due mani possano contemporaneamente esplorare sia il testo (in nero e in braille) sia le illustrazioni, e garantire un sufficiente spessore tra una pagina e l’altra.

Trattandosi di libri di fattura complessa e dal costo di produzione elevato, il nostro contributo è stato decisivo nel sostenerne la realizzazione. I sei titoli realizzati fino ad oggi, scelti tra le migliori proposte editoriali tattili europee, sono: Giorgetto l’animale che cambia aspetto (Francia), Soffio di vento (Italia), Ho un po’ paura (Belgio), Versi tra versi (Norvegia), Tutt’altro (Germania) e Settestella (Italia).

Il libro tattile non rappresenta solo uno strumento utile per avvicinare il bambino non vedente alla lettura, stimolare la curiosità e sviluppare l’esplorazione percettiva, ma anche per promuovere il dialogo tra bambini e genitori e l’inclusione tra bambini non vedenti e vedenti.

 

L’esposizione itinerante

Visto l’interesse suscitato dai libri tattili illustrati, nel 2013 il progetto si è arricchito anche di una mostra itinerante di tavole plurisensoriali d’artista che ha come filo conduttore “Le Parole della Solidarietà”: un progetto di ridefinizione del concetto di solidarietà intrapreso da Enel Cuore per festeggiare l’anniversario di 10 anni di impegno nel sociale. Un piccolo museo tattile a misura di bambino, con opere da toccare e manipolare, che diventano anche lo spunto per una serie di laboratori didattici e ludici pensati per introdurre il pubblico alle potenzialità dell’illustrazione multisensoriale. Dal 2013 ad oggi la mostra, realizzata grazie all’impegno di 16 illustratori per l’infanzia, è stata allestita in 28 sedi espositive lungo tutto il territorio nazionale e, dopo una battuta d’arresto dovuta alla pandemia, si prepara a ripartire.

 

L’evoluzione del progetto e le tappe della mostra

Grazie al nostro sostegno, è in corso la terza fase del progetto che prevede il restyling completo della mostra, la sua esposizione itinerante durante le celebrazioni del Centenario dell’Unione Italiana dei Ciechi, e l’editing di un nuovo libro tattile. Come settimo titolo della collana è stato scelto Grande gatto e piccolo gatto, un delizioso libro per le prime esperienze sensoriali vincitore nel 2019 del premio per il miglior libro per la primissima infanzia al 5° Concorso nazionale di editoria tattile illustrata “Tocca a te!”.

“Le Parole della Solidarietà” ripartirà il 27 settembre 2021 da Lecce e toccherà poi le città di Reggio Emilia, Palermo, Foggia e Perugia, oltre a una tappa speciale all’interno della scuola dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Palidoro (Roma). In queste città sarà anche avviata la sperimentazione di un percorso formativo nuovo, che potrà essere condiviso tra studenti della scuola primaria attraverso l’uso delle comuni piattaforme web per la didattica a distanza. In ognuna delle 5 città sono state scelte 2 classi elementari che includono bambini ciechi o ipovedenti, già seguiti nel loro percorso educativo dai responsabili dei Centri di Consulenza Tiflodidattica della Federazione. Agli alunni verrà fornito un kit con tutto l’occorrente per realizzare semplici storie audio-tattili: corpo libro, strumenti di taglio e cordonatura, materiali tattili (carta, balsa, stoffa, gomma ecc.), una tavoletta Braille per la produzione del testo scritto e una guida alla progettazione di immagini tattili e contenuti sonori. Alla condivisione in presenza di esperienze di lettura, di creazione e di manipolazione dei materiali – resa problematica dalla pandemia – si sostituisce così un percorso innovativo di sperimentazione a distanza.

Il progetto vede la partecipazione di due illustratrici esperte nello sviluppo di tecniche di narrazione audio-tattili, Élodie Maino e Laura Cattabianchi, che proporranno alle classi coinvolte nella sperimentazione un percorso narrativo comune. Un’attrice professionista affiancherà il lavoro delle autrici, leggendo le storie proposte ai ragazzi e realizzando semplici tutorial sulla tecnica di lettura e di recitazione. Tutto il materiale sarà poi condiviso tra i partecipanti e l’intera sperimentazione documentata dalla Federazione e consultabile sul sito dedicato. I libri audio-tattili prodotti e i tutorial entreranno a far parte a loro volta della mostra itinerante “Le Parole della Solidarietà”, con momenti di approfondimento dedicati a questa fase del progetto.

L’emergenza sanitaria si è trasformata così in un’occasione per elaborare nuovi percorsi di inclusione scolastica e creare un archivio di contenuti audiovisivi. Per il settore di “Editoria Tattile” della Federazione, in particolare, si apre la possibilità concreta di testare strumenti e strategie didattiche nuove che si prospettano come vere e proprie startup rispetto a progetti futuri con bambini, educatori e famiglie.

 

Dettagli

Luogo: tutta Italia

Associazione: Federazione Nazionale delle Istituzioni pro Ciechi Onlus

Beneficiari: Bambine e bambini non vedenti o ipovedenti, biblioteche pubbliche, reparti pediatrici, istituzioni per la promozione della lettura

Contributo totale: 410.000 euro

Durata: 2010-2022